Il Museo

Il museo raccoglie gli oggetti più significativi del mondo contadino lombardo dell’Ottocento e dei primi anni del Novecento.
La tr
adizione contadina è rappresentata da oggetti che mostrano il ciclo dei lavori in campagna, gli ambienti di vita domestica, gli antichi mestieri artigianali, le stalle e le scuderie. Sotto i portici della cascina è inoltre presente un’esposizione di mezzi agricoli pesanti.

All’interno della sala museo sono esposti gli attrezzi utilizzati per l’aratura, l’erpicatura e la semina del mais e del riso. Proseguendo la visita, si incontrano gli attrezzi usati per la fienagione, la monda, la mietitura, la trebbiatura. Sono presenti inoltre gli oggetti che permettevano al contadino di dedicarsi alla raccolta e taglio della legna, all’uccisione del maiale per fare i salami e all’imbottigliamento del vino.Nello spazio espositivo possiamo osservare vecchie macchine da cucire e altri attrezzi usati dalle donne durante la vita contadina.
Proseguendo la visita si incontrano i finimenti del cavallo da tiro, del bue, della mucca e gli attrezzi usati dal maniscalco e dal mungitore. All’esterno sotto il porticato sono esposti i mezzi agricoli più grossi e pesanti tra cui due vecchi trattori, un Landini e un Fordson.